Guida Sardegna > In viaggio per la Sardegna > La miniera di Monteponi (Iglesias)

La miniera di Monteponi (Iglesias)

La storia mineraria della Sardegna ha radici profonde che hanno lasciato tracce indelebili sulla cultura locale.

Sin dall’antichità le risorse minerarie della Sardegna hanno rappresentato una forte attrattiva per i popoli del Mediterraneo.

Oggi le principali miniere dell’Isola sono dismesse, ma rimane ancora vivo nella memoria il ricordo della sofferenza e della fatica del lavoro in miniera.

Da nord a sud dell’Isola si possono trovare numerose testimonianze del passato minerario, luoghi di grande suggestione che suscitano un’emozione forte nei visitatori.

Uno dei questi luoghi è la miniera di Monteponi ad Iglesias, che nel suo periodo di attività è stata una delle più produttive.

La struttura della miniera è particolare con edifici costruiti attorno ai due pozzi principali intitolati a Vittorio Emanuele II e a Quintino Sella.

L’obiettivo era quello di realizzare una vera e propria piccola città completamente autosufficiente, dove risiedevano i minatori e le loro famiglie.

L’imponente palazzo Bellavista era sede della direzione, posto in una posizione favorevole per controllare tutta la miniera.

Gli altri edifici erano gli alloggi delle famiglie dei minatori, l’ospedale, l’asilo, la scuola, la falegnameria e dalla torneria.

Il compito di mantenere vivo il ricordo è affidato al Museo dell’Arte mineraria dove attraverso documenti, foto, utensili, macchinari.

Related posts

Comment