Guida Sardegna > Curiosità sulla Sardegna > Cagliari: itinerari di viaggio tutti da scoprire

Cagliari: itinerari di viaggio tutti da scoprire

Il celebre scrittore D.H Lawrence descriveva in “Sea and Sardina” Cagliari con queste parole davvero emblematiche: “Città ripida e solitaria, senza alberi, come in una miniatura antica. E sembra quasi un gioiello, un inaspettati gioiello d’ambra e rosetta scoperto al fondo del vasto inventario…

Ha quell’aspetto strano, come se la si potesse vedere ma non entravi. E’ come una visione, una memoria, qualcosa che è passato”. Una descrizione che, a distanza di anni, mantiene la sua efficace, visto che anche oggi Cagliari è proprio questo, una città dal fascino sospeso e misterioso che ha mantenuto tutte le sue peculiarità.

Così se avete voglia di conoscere una delle città più rappresentative di tutta la Sardegna, il vostro viaggio non può che iniziare da qui: quindi correte a prenotare il vostro soggiorno nella splendida Cagliari e preparatevi a intraprendere itinerari suggestivi e unici.

Cagliari: un tour di arte e di storia

Il vostro itinerario nel capoluogo sardo sarà molto ricco e variegato e questo perché Cagliari è una città dalla storia lunga, le cui radici affondano in un passato ormai senza tempo ma che ha lasciato evidenti tracce su tutto il territorio.

Potete iniziare la visita di Cagliari da uno dei suoi quartieri più rappresentativi e conosciuti, il Quartiere Castello che, insieme a Villanova, Marina e Stampace, formano il centro storico della città. Il quartiere Castello si pone in una posizione predominante rispetto al resto dell’assetto urbano, essendo stato edificato su di un colle calcareo a circa 20 metri sul livello del mare. All’interno di questo quartiere sono custoditi alcuni dei gioielli architettonici di Cagliari; si va dalle antiche porte della città alla magnifica Cattedrale situata in Piazza Palazzo, passando per le stupende torri pisane, ovvero la Torre di San Pancrazio e la Torre dell’Elefante, entrambe realizzate nel 14esimo secolo al bastione St. Remy.

All’interno del quartiere Castello è possibile visitare anche la cittadella dei musei, ovvero alcuni dei musei più importanti della città come il Museo Archeologico Nazionale. A metà strada tra il quartiere Sant’Avendrace e il quartiere di Is Maglias si trova, invece, la necropoli di Tuvixeddu, una delle più alte testimonianze dell’antica dominazione punica. Si tratta di un sito di grande valore storico, presso il quale sono state rinvenute circa 180 sepolture; questa, infatti, era la zona prediletta dai Cartaginesi per dare sepoltura ai propri morti.

Tra le tombe rinvenute di maggior valore, ricordiamo la Tomba dell’Ureo e la Tomba del Sid, che riporta anche la figura del dio Cartaginese. Camminando all’interno della necropoli, che si configura come un vero e proprio parco archeologico e naturalistico, si giunge presso la Grotta della Vipera, una antica tomba che sembra sia stata scavata nella roccia e che pare appartenere alla nobile romana Attilia Pomptilla.

Uno dei più grandi reperti di epoca romana è invece l’Anfiteatro, una costruzione realizzata nella roccia del colle Buon Cammino; nei pressi del colle di San Michele si erge invece il castello romano-gotico, un’antica dimora nobiliare oggi divenuta sede di eventi e mostre.

Per quanto concerne gli edifici religiosi, tra le chiese più importanti di Cagliari bisogna ricordare la Basilica di San Saturnino, che è la più antica della città, il Santuario della Madonna di Bonaria, un magnifico complesso di origini trecentesche costruito in stile gotico-catalano, la Chiesa di San Lorenzo, la Chiesa di San Poetto Pescatori, di età bizantina, e la Chiesa della Purissima, solo per citarne alcune. Interessanti da vedere è anche l’Orto Botanico, che conserva al suo interno molte specie rare di piante e di animali, e, ovviamente, le spiagge tra le quali è impossibile non citare “Il Poetto”, la più famosa di Cagliari e il litorale di Quartu Sant’Elena.

Tags:

Related posts

Comment