Guida Sardegna > Articoli Scelti da noi > La tradizione algherese del corallo

La tradizione algherese del corallo

Alghero, situata nell’estremità nord occidentale della Sardegna, è una piccola città turistica che deve la sua fama alle bellissime spiagge, alle sue caratteristiche viuzze del centro e soprattutto alla lavorazione del corallo rosso.

Questo prezioso materiale, chiamato anche “oro rosso”, per via del costo pari all’oro, fa parte della cultura sarda da più di due millenni, infatti sono stati ritrovati degli oggetti decorati proprio con il corallo risalenti al V secolo a.c.

La pesca è regolata da leggi severe, infatti il corallo può essere pescato soltanto a mano da pochi professionisti a minimo 80 metri di profondità e soltanto nel periodo che va da maggio a ottobre, in modo da permettere la riproduzione dello stesso.

L’oro rosso è diventato il simbolo di Alghero, tanto da far parte dello stemma della città, formato da un ramo di corallo su una base di roccia e da dare il nome all’intera Riviera, oltre che a numerosi ristoranti, alberghi e negozi.

Se vi capita di fare una sosta in questa splendida città, andate a scoprire nel suo centro storico i tanti negozietti di artigiani che lavorano il corallo e lo trasformano in magnifici gioielli, come le famose collane con le frange, le perle e gli orecchini, tutti montati su basi di oro o argento.

Tags:

Related posts

Lascia un commento!

Comment