Guida Sardegna > Le spiagge più belle della Sardegna > San Teodoro e le sue spiagge immerse nella vegetazione!

San Teodoro e le sue spiagge immerse nella vegetazione!

San Teodoro sorge alle pendici del monte Nieddu, in provincia di Olbia-Tempio, è una delle coste più visitate dai turisti che scelgono la Sardegna per trascorrere le proprie vacanze. Parte integrante del Parco Marino di Tavolara – Punta Coda Cavallo, le sue spiagge sono caratterizzate da mare cristallino e sabbia bianca, godono inoltre di un panorama mozzafiato grazie alla bellissima vista dell’isola di Tavolara che si erge proprio davanti al litorale gallurese.

San Teodoro richiama numerosi turisti ogni anno, grazie alle bellissime spiagge e i numerosi servizi che è in grado di offrire ai visitatori. A valorizzare il territorio, oltre alla ricca vegetazione, troviamo numerose testimonianze storiche di origine preistorica e un nuraghe, Naracheddu, che attualmente si compone unicamente di alcuni filari di pietra.

Le spiagge di San Teodoro

Il litorale di San Teodoro è caratterizzato da numerose spiagge, ognuna con una propria particolarità.

L’Isuledda è una spiaggia in prossimità di un piccolo stagno, di sabbia bianca e mare cristallino verde-azzurro, interamente circondata da scogliere che la rendono isolata dal vento forte che interessa la zona, da qui il nome Isuledda.

Li Marini e Segafusti è una spiaggia vicino a Porto Ottiolu, una zona ricca di cale e promontori. Anche questa spiaggia presenta una conformità che la isola dalle spiagge vicine più grandi e affollate, rendendola intima e accogliente.

La Cinta, una delle spiagge più frequentate dai turisti, è caratterizzata da 5km di spiaggia: sabbia bianca e fine, acqua cristallina, fondale molto basso ideale per i bambini e per passeggiate rilassanti. Tutto attorno una variegata vegetazione in articolare ginepri e lentischi. La spiaggia è inoltre popolata da diversi esemplari di uccelli: fenicotteri, cormorani, gabbiani, anatre e aironi. Un vero spettacolo della natura.

Poco più su, Punta Aldia e Lu Impostu, accanto allo stagno di Brandinchi caratterizzate da un mare dai colori intensi, limpido e cristallino, frequentate non solo dai turisti ma dagli stessi abitanti della cittadina.

Facile da raggiungere

La costa di San Teodoro è molto facile da raggiungere grazie alla sua vicinanza con la città di Olbia e del suo aeroporto, a circa 30km di distanza.

Da Cagliari è distante circa 250km ed è raggiungibile percorrendo la SS131 per circa 130km, fino allo svincolo ad Abbasanta, dopo Oristano. Da qui prendere la SS131dcn fino all’uscita per San Teodoro.

Curiosità

Poco distanti da San Teodoro sono presenti due tipologie di rocce molto conosciute e visitate da molti turisti curiosi. La roccia della Tartaruga, grazie alla sua forma particolare che ricorda appunto una tartaruga e, la roccia del Gallo di Gallura, una roccia zoomorfa che richiama le sembianze di un gallo.

Tags:

Related posts

Comment