Guida Sardegna > Le spiagge più belle della Sardegna > La spiaggia di Piscinas, tra le dune dorate e la storia del suo passato!

La spiaggia di Piscinas, tra le dune dorate e la storia del suo passato!

La Costa Verde è una delle coste più rappresentative della Sardegna! Situata nella parte occidentale dell’isola la Costa Verde è notevolmente diversa dalle caratteristiche spiagge sarde e attira numerosi turisti attratti dalle spiagge chilometriche caratterizzate da un mare dal fondale alto e sabbia dorata e morbida che si estende per diversi metri accogliendo numerosi bagnanti. Piscinas, Pistis, Scivu, Torre dei Corsari sono tutte spiagge con le tipiche caratteristiche della Costa Verde, ma quella che senza dubbio la rappresenta più di tutte è la spiaggia di Piscinas.

La spiaggia di Piscina: mare, dune e vegetazione

Piscinas è una delle spiagge più conosciute della Costa Verde frequentata ogni anno da numerosi turisti che la scelgono come meta della propria vacanza.

Con una spiaggia lunga ben 7 km potrai scegliere il tuo angolo di paradiso e goderti il paesaggio in completo relax. Il mare, caratterizzato da un fondale alto, sabbioso e ricco di fauna, richiama ogni anno gli appassionati di immersioni e surfisti professionisti che scelgono la spiaggia di Piscinas per praticare il proprio sport. Infatti, il mare è raramente calmo e le sue onde sono alte e lunghe, ideali per chi adora fare surf. Questa particolarità è dovuta al frequente vento che non abbandona mai la costa, un vento di Maestrale che ha da sempre inciso fortemente su tutto il territorio e in particolare sulla spiaggia di Piscinas. Infatti, ciò che la rende davvero particolare, a parte il mare sempre mosso, sono le dune di sabbia alte fino a 100 m che dalla costa si estendono fino all’interno per 2 km circa. Le dune dorate regalano uno scenario mozzafiato e donano fascino all’intera spiaggia. Chiunque si reca nel litorale è mosso dalla voglia di scalare le dune per arrivare in cima e godersi il bellissimo panorama.

 

dune-di-piscinas

 

Ma la spiaggia di Piscinas non è fatta solo di dune, un’altra caratteristica è la vegetazione sparsa qua e là che regala un po’ di riparo ai bagnanti. Tra ginepri, lentischi, violacciocca, giglio marittimo e papavero della sabbia, la vegetazione si unisce creando piccole oasi dove potrai trovare riparo e potrai goderti lo scenario delle dune e del mare.

Inoltre in alcune stagioni dell’anno i cervi si spingono fino alla spiaggia per raggiungere il mare, poterli avvistare è davvero una meraviglia. Nel mese di giugno invece, le tartarughe marine depongono le uova sulle rive della spiaggia, anche questa una visione unica.

Sicuramente un altro elemento che aumenta il fascino della spiaggia di Piscinas è la scarsa presenza di strutture a ridosso della spiaggia. Esiste un solo hotel vicino al litorale e un campeggio attrezzato, permettendo così di mantenere viva la sensazione di essere immersi nel deserto, che si respira quando si visita la spiaggia. Sono presenti servizi come il noleggio di sedie e ombrelloni, due chioschi e il servizio di noleggio canoe e gommoni per godersi il panorama da una prospettiva diversa.

Se hai la fortuna di fare delle immersioni potrai ammirare un bellissimo relitto di una nave inglese che riposa sul fondale del mare da chissà quante centinaia di anni.

Nonostante la spiaggia di Piscinas di per se sia già abbastanza affascinante, tra il mare, le dune e la vegetazione, se decidi di addentrarti tra le dune potrai osservare dei piccoli vagoni, arrugginiti ma ancora il perfetto stato che sembrano abbandonati lì per ricordare ai visitatori la storia del posto.

 

spiaggia-di-piscinas

 

La spiaggia Piscinas e il villaggio minerario, un tuffo nel passato!

Arrivando alla costa avrai la sensazione di tornare indietro nel tempo e potrai assaporare la storia che rende la zona ancora più unica e ricca di fascino. Incontrerai il vecchio borgo di Ingurtosu, ancora oggi in perfetto stato, con la casa del direttore, la Villa Ginestra in perfetto stile liberty, la chiesa, l’ospedale e una palazzina in cui trovava spazio la direzione. Proseguendo lungo la strada entrerai nella valle de Is Animas incontrando detriti e vecchi ruderi delle case dei minatori. Attraverserai il pozzo Gal e l’area di Naracauli, dove ancora oggi è possibile ammirare la Laveria Brassey nella sua totale imponenza. Il resto del percorso che ti separa dalla spiaggia si addentra nei boschi, costeggiando e mescolandosi con la vecchia strada che portava in passato il materiale estratto dalle miniere fino al mare pronto partire in direzione Carloforte.

laveria-brassey

Related posts

Lascia un commento!

Comment