Guida Sardegna > Escursioni in Sardegna > Escursione archeologica in Sardegna: il tour dei nuraghi

Escursione archeologica in Sardegna: il tour dei nuraghi

Escursione archeologica in Sardegna

Il nuraghe è il simbolo della Sardegna: la testimonianza di un’antica civiltà che ha popolato l’isola nel pieno dell’età del bronzo. Ancora oggi è possibile ammirare splendidi esemplari, perfettamente conservati, in tutto il territorio.

L’ultimo censimento ne conta circa 7.000 tra i nuraghi visitabili e quelli di cui oggi rimane solo un rudere.

Per questo motivo abbiamo pensato di proporti un affascinante tour dei principali nuraghi della Sardegna!

Tour dei nuraghi in Sardegna

Per chi decide di visitare la Sardegna le escursioni archeologiche sono la soluzione ideale per comprendere fino in fondo cosa rende magica questa terra. Anche per chi vive nell’isola, visitare questi luoghi affascinanti diventa un modo per conoscere il proprio passato e le proprie origini.

Ecco quali sono i principali nuraghi in Sardegna:

  • “Su Nuraxi” a Barumini, il nuraghe più grande e meglio conservato dell’isola;
  • Il nuraghe Arrubiu di Orroli, uno dei più importanti monumenti protostorici di tutto l’occidente europeo;
  • Complesso archeologico Tamuli, nel monte Sant’Antonio, situato a ridosso del rilievo, offre una bellissima vista sul territorio circostante;
  • Il nuraghe Orolo, a Nuoro, un bellissimo esempio di nuraghe trilobato, caratterizzato dunque da tre torri;
  • Il nuraghe Santa Barbara, a Macomer, caratterizzato da un bastione quadrilobato e da un cortile a cielo aperto;
  • Il nuraghe Palmavera, ad Alghero, composto da più torri unite tra loro;
  • Il nuraghe Is Paras, a Isili, che comprende la fortezza nuragica e il piccolo villaggio sul colle di roccia calcarea.

Come puoi immaginare, su 7.000 nuraghi abbiamo evidenziato quelli che secondo la nostra esperienza si distinguono per una particolarità rispetto agli altri. Certo è che una delle zone che detiene la più alta concentrazione di nuraghi è la regione del Marghine. Come avrai notato infatti, la maggior parte dei complessi di cui ti abbiamo parlato è situata proprio in questa particolare zona della Sardegna.

Consigli per organizzare l’escursione nelle aree archeologiche

Le zone archeologiche in Sardegna sono aperte tutto l’anno e in ogni stagione mostrano particolarità uniche e indescrivibili. Grazie al clima che interessa l’isola, non esiste un periodo migliore per organizzare l’escursione archeologica: basta un po’ di sole e tutto si colora di primavera! Questo ti permette di visitare i luoghi più rappresentativi della Sardegna in qualsiasi momento.

Al di là del periodo, quello che ti consigliamo è di organizzare in anticipo la tua escursione. Poiché si tratta di aree con una particolare concentrazione di reperti storici e testimonianze di ogni genere, potrai organizzare al meglio il tuo tour senza perderti nulla. In ogni caso ti consigliamo di leggere la nostra guida su come organizzare una perfetta escursione!

Hai già iniziato a pianificare il tuo tour? 😉

Related posts

Lascia un commento!

Comment