Guida Sardegna > In viaggio per la Sardegna > La Grotta di Nettuno in Sardegna: informazioni utili

La Grotta di Nettuno in Sardegna: informazioni utili

Grotta di Nettuno in Sardegna

Considerata da molti turisti come uno dei luoghi in Sardegna da visitare almeno una volta nella vita, la Grotte di Nettuno è uno spettacolo che la natura ha voluto regalare alla città di Alghero.

Se sei un appassionato delle grotte profonde e non riesci a trattenere la tua voglia di esplorare le cavità scavate nella roccia, tra stalattiti e stalagmiti, non puoi certo lasciarti scappare l’occasione di visitare questa meraviglia del territorio sardo.

Quindi, zaino in spalla: stiamo per guidarti alla scoperta della Grotta di Nettuno.

Visita alla Grotta di Nettuno: cosa c’è da sapere?

La grotta fu scoperte da un pescatore nel XVIII secolo suscitando fin da subito un forte interesse turistico. Il nome deriva dalla divinità romana del mare, Nettuno, per via dell’ingresso alla cavità che avviene per mezzo di un’apertura lungo la parete rocciosa a strapiombo sul mare.

Ingresso alla Grotta di Nettuno
Ingresso alla Grotta di Nettuno

La Grotta di Nettuno ha una storia che risale ai tempi preistorici. Al suo interno sono state rinvenute tracce appartenenti al Neolitico che fanno ipotizzare la sua formazione a più di 2 milioni di anni fa.

Certo è, che gli uomini primitivi conoscevano bene questo luogo misterioso e l’hanno utilizzato come luogo in cui rifugiarsi: un perfetto nascondiglio, lontano dagli occhi di possibili nemici.

Ma la Grotta di Nettuno non è solo la più famosa della Sardegna, è anche la più grande. Infatti, si estende per circa 4 km, anche se per ragioni di sicurezza è possibili accedere solo ad una piccola parte.

Gli speleologi di tutto il mondo organizzano spesso giri di perlustrazione, per esplorare ogni angolo nascosto e sono gli unici che possono raccontarci cosa si cela più in profondità. Fortunatamente la grotta è meravigliosa anche nel primo tratto, quindi caro turista non preoccuparti: la tua vena esplorativa non rimarrà delusa!

Oggi la Grotta di Nettuno rappresenta un importante patrimonio naturale per l’isola!

Come raggiungere e accedere alla Grotta di Nettuno

Una volta giunti alla bellissima città di Alghero, raggiungere la grotta è piuttosto semplice. Sono poco distanti dalla città, a circa 24 km, e sono numerose le agenzie che organizzano escursioni per visitare la grotta.

In ogni caso, se hai un auto a tua disposizione, potrai raggiungerle senza problemi anche senza una guida del luogo. Ti basterà impostare il navigatore e il gioco è fatto! (Troverai la mappa in fondo a questo articolo)

Esistono due modi per accedere alla Grotta di Nettuno.

Puoi scegliere di farlo utilizzan

do la scala del capriolo, una scalinata di ben 656 gradini, che si articola lungo la parete rocciosa del massiccio di Capo Caccia. Il suo nome è dovuto proprio alla particolare conformazione della scala che si inerpica lungo la roccia.

Scala del capriolo - Grotta di Nettuno
Scala del capriolo – Grotta di Nettuno

Oppure, puoi accedere via mare. In questo caso dovrai partire dal porto di Alghero, oppure dall’imbarco del molo di Dragunara a Porto Conte.

Qualsiasi sia la tua scelta potai godere di un paesaggio fantastico, che ti ripagherà di ogni piccola fatica fatta per arrivarci. E che dire, una volta arrivati all’ingresso della Grotta di Nettuno la meraviglia sarà ancora più grande.

Attenzione: l’ingresso alla grotta è possibile solo se le condizioni meteo-marine lo permettono. Quindi prima di partire ti consigliamo di informarti che l’ingresso sia aperto.

Hai già visitato altre grotte in Sardegna? Raccontaci la tua esperienza lasciando un commento qui sotto! 🙂

Tags:

Related posts

Lascia un commento!

Comment