Guida Sardegna > In viaggio per la Sardegna > Grotta di Ispinigoli: cosa c’è da sapere?

Grotta di Ispinigoli: cosa c’è da sapere?

Grotta di Ispinigoli

Mare, spiagge, acqua cristallina… anche tu sei in trepidante attesa per l’arrivo dell’estate? Dopo tanto freddo e tante giornate passate davanti al caminetto anche noi non vediamo l’ora. Ecco perchè abbiamo pensato a una soluzione per trascorrere questi pochi mesi prima dell’estate!

Quale modo migliore di aspettare la bella stagione, se non visitando le meraviglie che rendono la Sardegna una terra così bella? Oggi ti portiamo a visitare la bellissima grotta di Ispinigoli.

In giro per le grotte: scopriamo la grotta di Ispinigoli

La grotta di Ispinigoli è una delle cavità che si trova all’interno dell’isola. Al contrario di altre grotte, come quella del Bue Marino e quella di Nettuno, alle quali si accede direttamente dal mare.

La grotta è conosciuta perchè è uno dei pochi accessi al sistema carsico di S. Giovanni Su Anzu, il più esteso della Sardegna. La zona aperta al pubblico comprende una panoramica che si articola lungo le pareti della grotta. Il percorso permette di osservare uno dei punti di attrazione principali della grotta: una colonna alta ben 38 metri che si estende dal punto più basso della cavità arrivando fino alla parte più alta.

Sala centrale - Grotta di Ispinigoli
Sala centrale – Grotta di Ispinigoli (Fonte: www.museoarcheologicodorgali.it)

All’interno della grotta sono stati ritrovati numerosi reperti archeologici di età nuragica, punica e romana, che testimoniano come un tempo la cavità veniva utilizzata come luogo di culto e sepoltura. In particolare i simboli solari, tra i reperti rinvenuti, hanno rivelato la presenza di un pozzo sacrificale di epoca fenicia all’interno della grotta. Da qui ha avuto origine la leggenda dei sacrifici umani che i fenici utilizzavano per conquistare gli dei.

Visita alla grotta di Ispingoli

La visita alla grotta di Ispinigoli dura circa un’ora. L’inizio del tour si apre sulla sala principale e procede lungo una scalinata di 280 gradini che permette di esplorare la cavità in ogni angolo.

Il percorso in discesa verso il punto più profondo della grotta è una continua scoperta. I ruscelli che scorrono all’interno della grotta, le cascate calcaree e le colonne, rendono la cavità una tra le più belle dell’isola.

Informazioni utili:

  • Come raggiungerla: la grotta si trova a pochi chilometri da Dorgali, in direzione Orosei. Lungo la strada sono presenti i cartelli che indicano la direzione per raggiungere la località.
  • Quando visitarla: la grotta è aperta da Aprile a Ottobre e, per ragioni di sicurezza rimane chiusa nei mesi invernali.
Sei pronto a visitare la grotta di Ispinigoli? Per goderti le spiagge hai tutta l’estate davanti! Hai bisogno di altri consigli per organizzare la tua visita? Allora scrivici un commento qui sotto! 😉

Related posts

Comment