Guida Sardegna > Cultura e arte sarda > Le launeddas: lo strumento musicale della tradizione sarda

Le launeddas: lo strumento musicale della tradizione sarda

Le launeddas

Le launeddas rappresentano uno strumento musicale tipico della Sardegna. Caratterizzato da un suono unico e inconfondibile, fornisce l’accompagnamento perfetto per i balli e i canti della tradizione sarda.

Si tratta di uno strumento a fiato, molto difficile da suonare poichè richiede una respirazione attenta e controllata. Solo così è possibile ottenere una melodia magica ed emozionante.

Le loro origini non sono chiare e ancora non si è in grado di capire quando sono comparse per la prima volta nell’isola. Certo è che sono da sempre presenti sia nella musica sacra che in quella profana. Dal suono forte e metallico, che ricorda le voci dei tenores barbaricini, in questo articolo vogliamo raccontarti qualcosa in più su questo particolare strumento.

Come sono costruite le launeddas

Le lauenddas sono composte da tre canne legate tra loro con uno spago cerato. Ogni canna ha un nome specifico: quella di sinistra è chiamata Su Tumbu e produce un suono basso che continua dall’inizio alla fine del brano, quella al centro si chiama Sa Mancosa Manna e offre un suono contralto e melodioso, la Mancosedda invece è quella più sottile che esegue suoni acuti.

Luneddas (Fonte: gabob.altervista.org)
Luneddas (Fonte: gabob.altervista.org)

All’estremità dello strumento è presente un’ancia che permette al musicista di suonarla come un qualsiasi strumento a fiato.

Il suono delle launeddas assomiglia a quello della cornamusa scozzese, anche se si distingue per via della difficoltà di esecuzione dei brani. Infatti, il suonatore di cornamusa sfrutta una sacca d’aria fatta di pelle di animale, che permette allo strumento di continuare a suonare anche mentre il suonatore prende fiato, senza mai interrompere l’esecuzione. Invece per suonare le launeddas è necessario che il musicista sia in grado di utilizzare una difficilissima tecnica respiratoria, che gli permette di soffiare regolarmente sullo strumento e di respirare allo stesso tempo.

Dove si suonano le launeddas?

Si tratta di uno strumento tipico del sud della Sardegna, anche se sono diffuse in tutta l’isola. Ogni paese ha il suonatore professionale che riempie di orgoglio i compaesani. Il suonatore di launeddas è un vero e proprio maestro che di esibisce durante le feste e le manifestazioni religiose, riuscendo a unire gli aspetti sacri e profani della cultura sarda.

Oggi è possibile visitare una vasta collezione di launeddas raccolta nel Museo Casa Zapata a Barumini.

Hai mai sentito il suono delle launeddas? No? Allora devi correre subito ai ripari!

Related posts

Lascia un commento!

Comment