Guida Sardegna > Escursioni in Sardegna > Vacanza a Pula: cosa c’è da vedere e come organizzarla

Vacanza a Pula: cosa c’è da vedere e come organizzarla

Vacanza a Pula

Pula è la metà ideale per diversi tipi di vacanza, qualsiasi periodo dell’anno: d’estate per il mare cristallino e l’abbronzatura, in primavera per la brezza marina e il primo sole, in autunno in inverno per l’atmosfera poetica che si respira.

A soli 35 km da Cagliari, rappresenta uno dei centri più importanti dal punto di vista naturalistico, archeologico e culturale. D’estate la città si riempie di eventi, le piazze e i locali si animano, le escursioni e le attività sportive ti lasceranno l’imbarazzo della scelta.

Non ti sarà difficile incontrare turisti e abitanti del luogo fare jogging lungo i viali principali alberati del paese, oppure lungo il percorso che porta al Parco Archeologico di Nora, poco distante da Pula.

Insomma visitare il sud della Sardegna e non dedicare qualche giorno alla visita di Pula è davvero un peccato.

Sei curioso di scoprire tutte le attività e le escursioni che renderanno unica la tua vacanza? Allora continua con la lettura del nostro articolo!

Iniziamo dalle cose belle: il parco archeologico di Nora, le spiagge, la natura…

… ok, veniamo al punto. A Pula è possibile trovare le rovine di un’antica civiltà, la prima fenicia in Sardegna, risalente al VIII secolo a.C., divenuta poi un fiorente centro punico conquistato dai romani, che vi abitarono nel massimo splendore. Si possono ancora osservare le strade, praticamente intatte, che collegavano le diverse aree della piccola cittadina. Stiamo parlando del parco archeologico di Nora.

Una delle particolarità del sito è che, nonostante sia molto ampio, gli scavi hanno interessato solo una minima parte. Da un lato il mare ha parzialmente inghiottito la città, dall’altro lato si stanno attivando le procedure necessarie per proseguire con gli scavi.

Sito archeologico di Nora (Fonte: www.blogdilifestyle.it)
Sito archeologico di Nora (Fonte: www.blogdilifestyle.it)

In ogni caso, il sito archeologico di Nora è considerato uno dei più importanti nel sud anche perché qui è possibile ammirare alcune rappresentazioni fenice, puniche e romane uniche in Sardegna. Tra queste ti ricordiamo il tophet fenicio-punico, i resti dei templi punici e romani, il foro, le terme, le dimore signorili, i mosaici ancora perfettamente conservati e l’anfiteatro che ancora oggi è sede del festival “La notte dei poeti”.

Se desideri ammirare i reperti archeologici ritrovati durante gli scavi potrai osservarli nel Museo Archeologico di Cagliari.

Per visitare il sito è necessario acquistare il biglietto che ti permette di percorrere l’intera area con una guida esperta e di arrivare fino alla torre del Coltellazzo, che sveglia su tutto il golfo. Poco distante dal sito si trova la chiesetta di Sant’Efisio, il luogo dove un tempo avvenne il martirio del santo guerriero e che ogni anno, il 3 maggio, viene rievocato durante la festa di Sant’Efisio a cui partecipa tutta l’intera isola.

La laguna di Nora è habitat di uccelli rari, non a caso una delle attività più rinomate della zona è il birdwatching.

Poco distante è possibile raggiungere il litorale di Santa Margherita di Pula composto da numerose calette di sabbia bianca e rosa. Tra queste vogliamo suggerirti:  Cala Marina, Cala Bernardini, Cala d’Ostia e Cala Verde.

Tutte si affacciano su un mare limpido e basso, ideale anche per i bambini.

Santa Margherita di Pula (Fonte: www.skiforum.it)
Santa Margherita di Pula (Fonte: www.skiforum.it)

Attività e sport: come trascorre il tempo a Pula

Come ti abbiamo anticipato, la bellezza di Pula non risiede solo nelle bellissime spiagge, quanto invece per la sua particolarità che le permette di offrire tutto ciò di cui ha bisogno un turista in vacanza: mare da sogno (che non guasta mai), una buona dose di eventi culturali, ma soprattutto tante attività sportive che tengono alla larga la noia.

Qui è possibile esplorare i sentieri di trekking, che si diramano lungo la fitta vegetazione di piante rare, formazioni rocciose e corsi d’acqua. Ci riferiamo in particolare alle foreste di Is Cannoneris e Pixinamanna, caratterizzate da lecci, macchia mediterranea e conifere. Non mancano le oasi che accolgono alcuni animali tipici sardi, tra cui i cervi e daini.

Lungo il percorso che ti accompagna da Cagliari a Pula, e in prossimità del sito archeologico di Nora, potrai facilmente avvistare i famosissimi fenicotteri rosa che hanno fatto di questa zona uno dei loro habitat.

Il mare di Pula ha una particolarità in più rispetto alle altre spiagge della Sardegna. Nonostante sia prevalentemente basso e quasi sempre piatto è una delle mete preferite di chi adora fare kite e wind surf. Questo perché, poco lontano dalla costa, il mare aperto e il costante vento rende possibili questo genere di attività, pur lasciando ai bagnanti il piacere di un mare perfettamente calmo.

Ammettilo, hai già controllato i biglietti per trascorrere la tua estate in Sardegna. Bene, sei perfettamente in tempo e in questa zona troverai facilmente resort, campeggi e ogni genere di sistemazione. Non ti resta che preparare la valigia, mettere dentro qualche costume e il gioco è fatto! 😉

Related posts

Lascia un commento!

Comment