Guida Sardegna > Escursioni in Sardegna > Cagliari sotterranea: la Chiesa di Sant’Eulalia

Cagliari sotterranea: la Chiesa di Sant’Eulalia

Chiesa di Sant'Eulalia

Caro lettore di Guida Sardegna, a te che piace scoprire i luoghi più nascosti e misteriosi della Sardegna, oggi vogliamo stupirti parlandoti di uno dei siti più belli di Cagliari: l’area archeologica di Sant’Eulalia. Le antiche origini della città spesso si confondono con le nuove costruzioni che nascondono quello che era un tempo l’antica Caralis. Basta un po’ di immaginazione per capire che quello che vediamo a cielo aperto non è altro che una piccola parte di quello che in realtà c’è ed è possibile visitare ancora oggi.

Fortuna vuole che, ad un certo punto del 1990, in seguito ai lavori di manutenzione alla Chiesa di Sant’Eulalia, è emerso dal nulla uno scorcio della città sotterranea. Oggi questo scorcio si estende per 900 mq, ma probabilmente l’aera è molto più vasta di quello che possiamo vedere. In ogni caso questo sito è così rappresentativo da meritare una visita… e forse anche più di una!

Giusto così per ingannare l’attesa, nel frattempo che organizzi la tua piccola escursione alla scoperta di Cagliari, abbiamo pensato di darti qualche piccola anticipazione. Sei pronto? Iniziamo!

Una città sotto la città…

Come ti abbiamo anticipato, la Chiesa di Sant’Eulalia rappresenta l’accesso alla Cagliari sotterranea. Si tratta di una chiesa molto antica, che acquista la sua forma attuale nel 1365 su richiesta dai Catalano-Aragonesi che in quel periodo dominavano la città.

L’area archeologica sotto la chiesa mostra le diverse dominazioni che nel corso dei secoli hanno interessato la zona. Si passa dalle prime costruzioni risalenti al IV sec. a.C. fino ad arrivare a quelle più recenti che giungono fino alla nostra epoca.

Ma arriviamo al dunque: ecco come si svolge la visita.

Come si svolge la visita?

Poco distante dalla chiesa (qui sotto trovi le indicazioni per arrivarci) trovi l’ingresso per l’area archeologica. Per entrare è necessario fare il biglietto che include la visita al sito e quella al museo dei tesori. Il costo è di soli 5 euro e prevede anche l’uso di un tablet che durante il percorso ti racconta nel dettaglio gli ambienti che stai visitando. Ti basterà leggere il nome dell’area e cliccare sull’audio corrispondente… un’idea semplice e geniale allo stesso tempo che ti permette di vivere al meglio l’atmosfera del sito.

A questo punto sei pronto per immergerti nel passato. 🙂

Cosa vedrai?

Tra gli ambienti più rappresentativi vogliamo segnalarti:
1. Il Thesaurus, l’unica testimonianza dell’Età Tardo Punica, rappresentava un monumento per le offerte monetali. Al suo interno sono state ritrovate 307 monete di bronzo datate tra il III sec. a.C. e il I sec. d.C.

Il Thesaurus (fonte: pagina Facebook Area Archeologica Sant'Eulalia)
Il Thesaurus (fonte: pagina Facebook Area Archeologica Sant’Eulalia)

2. Il portico, ancora ben visibile con le basi delle colonne quasi perfettamente conservate;

3. La cisterna per l’acqua, situata in prossimità del portico;

Scorcio del portico e bocca della cisterna (fonte: pagina Facebook Area Archeologica Sant'Eulalia)
Scorcio del portico e bocca della cisterna (fonte: pagina Facebook Area Archeologica Sant’Eulalia)

 

Dettaglio della cisterna (fonte: pagina Facebook Area Archeologica Sant'Eulalia)
Dettaglio della cisterna (fonte: pagina Facebook Area Archeologica Sant’Eulalia)

4. La strada lastricata, che si articola tra i complessi abitativi ancora ben visibili;

Strada lastricata (fonte: pagina Facebook Area Archeologica Sant'Eulalia)
Strada lastricata (fonte: pagina Facebook Area Archeologica Sant’Eulalia)

5. Lo scorcio delle abitazioni, di cui è possibile vedere alcuni dettagli.

Abitazioni (fonte: pagina Facebook Area Archeologica Sant'Eulalia)
Abitazioni (fonte: pagina Facebook Area Archeologica Sant’Eulalia)

Come raggiungere l’area archeologica di Sant’Eulalia?

Come molte altre bellezze del centro storico di Cagliari, anche la Chiesa di Sant’Eulalia si nasconde tra i tanti vicoli che dal porto arrivano fino ai monti della città. A pochi passi dal quartiere Marina, più precisamente in via Collegio, è possibile trovare l’ingresso principale al sito archeologico. Girando attorno all’edificio, potrai trovare anche l’ingresso alla chiesa.

Per maggiori informazioni ti suggeriamo di seguire la pagina Facebook dell’Area Archeologica di Sant’Eulalia. In alcune occasioni organizzano al suo interno eventi particolari che permettono di vivere una Cagliari sotterranea ancora più emozionale. Buona visita! 😉

Related posts

Lascia un commento!

Comment