Guida Sardegna > In viaggio per la Sardegna > Oasi del WWF in Sardegna

Oasi del WWF in Sardegna

Oasi del WWF in Sardegna

Caro viaggiatore,

lo sapevi che anche in Sardegna ci sono delle aree protette dal WWF? Ebbene sì, 3608 ettari dove la natura e gli animali si trovano al riparo da ogni genere di speculazione. Stiamo parlando del Monte Arcosu, che fa parte dell’Oasi WWF dal 1985, e dell’Oasi Steppe Sarde, che si è aggiunta nel 1999.

Scopriamo cosa si nasconde al loro interno! 🙂

Oasi sarde: tra specie protette e natura incontaminata

A spasso per le aree protette dal WWF in Sardegna è piuttosto facile trovarsi faccia a faccia con il cervo sardo. Si tratta di una delle specie che, negli anni ottanta, ha rischiato di estinguersi e che ora sta lentamente ripopolando il territorio. Fortunatamente il WWF è intervenuto prima che fosse troppo tardi e oggi, dai 70 esemplari, si è arrivati a una popolazione di 1000 cervi sardi.

Cervo sardo (fonte: www.provincia.mediocampidano.it)
Cervo sardo (fonte: www.provincia.mediocampidano.it)

Oltre al cervo, anche la pernice sarda e la rara gallina prataiola (che vive prevalentemente nelle steppe e nelle praterie dell’Oasi Steppe Sarde) fanno parte del grande patrimonio del WWF.

Gallina prataiola sarda (fonte: www.ornitour.it)
Gallina prataiola sarda (fonte: www.ornitour.it)

 

Pernice sarda (fonte: www.juzaphoto.com)
Pernice sarda (fonte: www.juzaphoto.com)

Attività ed escursioni

All’interno delle oasi vengono organizzate numerose attività ed escursioni per esplorare al meglio il territorio. L’Oasi del Monte Arcosu dispone di aule didattiche all’aperto e sentieri CAI (Club Alpino Italiano) per visitare l’area. I percorsi presentano diversi gradi di difficoltà per permettere a chiunque di passeggiare all’interno dell’oasi.

Nell’Oasi Steppe Sarde non sono presenti veri e propri sentieri… qui il paesaggio è molto caratteristico: prati aridi, pascoli e campi coltivati. Non è un caso che questo territorio è considerato uno degli ambienti più a rischio dell’Europa occidentale.

Qual è il modo migliore per scoprire le Oasi?

Puoi scegliere di prenotare la visita con una guida esperta, oppure acquistare il biglietto ed esplorare l’area in completa autonomia. I sentieri sono ben segnalati, ti basterà seguire le indicazioni per raggiungere i punti più importanti delle oasi.

Informazioni utili

L’ingresso all’Oasi Monte Arcosu è presso la Strada comunale Guttureddu (Loc. Sa Canna) a Uta. Il sito è aperto tutto l’anno, anche il sabato e la domenica, esclusi il 25 dicembre e il 1 gennaio. Gli orari variano in base alla stagione:

  • Autunno, inverno e primavera: dalle 9 alle 18
  • Estate: dalle 8 alle 19

Dal 15 luglio al 15 settembre è possibile visitare l’oasi solo con la visita guidata e su prenotazione. Per maggiori informazioni ti consigliamo di visitare il sito internet.

L’Oasi Steppe Sarde si trova nel comune di Mores nella provincia di Sassari.

Sei pronto a esplorare queste aree della Sardegna? Allora cosa aspetti? Prenoti subito la tua visita e preparati a incontrare alcuni degli animali più belli dell’isola!

Buon viaggio! 😉

Related posts

Lascia un commento!

Comment