Guida Sardegna > In viaggio per la Sardegna > Il Castello di Monreale nel cuore della Sardegna

Il Castello di Monreale nel cuore della Sardegna

Castello di Monreale

Il castello di Monreale è uno dei simboli più contesi della Sardegna. C’è chi dice che appartenga al comune di San Gavino Monreale e chi si ostina a pensare che faccia parte del comune di Sardara. La contesa continua ancora oggi anche se la sua posizione ci lascia intuire che il vincitore tra i due comuni sia Sardara.

Contese a parte, il castello di Monreale ha ancora molto fascino anche se non è più in perfetto stato.

Sei un appassionato di castelli e sei curioso di scoprire la storia raccontata dalle mura del Monreale? Allora continua a leggere! 😉

La storia del castello di Monreale

Il castello di Monreale è stato costruito intorno alla metà del XIII secolo in vetta a una collina alta quasi 400 metri. Grazie a questa posizione, permetteva una vista ampia su tutta la pianura del Campidano e delle strade che, durante il Medioevo, collegavano il sud con il nord dell’isola.

Come ogni roccaforte, anche il castello di Monreale comprendeva oltre al mastio (il castello vero e proprio) anche il villaggio fortificato.

Castello di Monreale Sardegna (fonte: www.youtube.com)
Castello di Monreale Sardegna (fonte: www.youtube.com)

Ancora oggi è possibile vedere sul terreno i resti della cinta muraria che circondava il borgo. La cinta era lunga quasi un chilometro e tracciava nel terreno una forma di pentagono irregolare. Le piccole case si estendevano invece lungo la valle compresa tra le due colline.

Per proteggere meglio il perimetro erano state costruite delle torri circolari che permettano un controllo completo del territorio.

L’accesso al castello era possibile attraverso due porte, una a nord rivolta verso il paese di Sardara e le Terme di Santa Maria Aquas, e una a ovest rivolta verso il comune di San Gavino (giusto per rendere tutti felici).

Accanto alla porta nord sono presenti ancora oggi i resti di una piccola chiesa dedicata a San Michele alla quale era collegato anche un cimitero.

Anche la strada che collegava i due accessi è ancora visibile ed era stata ricavata sa un avvallamento del colle.

Cosa rimane del castello oggi?

La Sardegna un tempo era ricca di castelli ma nonostante questo oggi sono pochi quelli in perfette condizioni. La maggior parte sono solo ruderi, parzialmente visibili o addirittura scomparsi del tutto.

Del castello di Monreale oggi rimangono le mura esterne e le pareti degli ambienti del piano terra, riportate alla luce dagli archeologi durante gli scavi.

Informazioni utili

La visita al castello è gratuita. Ti basterà percorrere la SS131 sino a raggiungere l’uscita di Sardara, continuare lungo la SP4 e in pochi istanti ti troverai davanti al castello.

Nelle vicinanze:

  • Visita il comune di San Gavino e scopri la tradizione dello zafferano e i bellissimi murales che decorano il paese;
  • Le terme di Sardara e il santuario di Santa Maria Aquas;
  • Il castello di Sanluri.

Buon viaggio!

Related posts

Lascia un commento!

Comment