Guida Sardegna > In viaggio per la Sardegna > Scopriamo il Sud Sardegna: cosa vedere e quando partire

Scopriamo il Sud Sardegna: cosa vedere e quando partire

Scopriamo il Sud Sardegna: cosa vedere e quando partire

Hai deciso di visitare il Sud Sardegna e vuoi sapere cosa vedere, quando partire e come organizzare la tua escursione? Allora hai trovato l’articolo giusto per te. Oggi vogliamo guidarti alla scoperta di questa zona dell’isola, raccontandoti qualcosa in più sulle tradizioni, sui siti archeologici, sulle spiagge… insomma, dopo aver letto questo articolo non avrai più dubbi su cosa visitare.

Allora, sei pronto a organizzare il tuo viaggio? Continua a leggere e scopri come fare!

Tra spiagge e paesaggi del Sud Sardegna

È inutile nasconderlo, la vera particolarità del Sud Sardegna sono le spiagge… lunghi tratti di costa che ricordano i più lontani paradisi tropicali. Da una costa all’altra, dall’isola di San Pietro e di Sant’Antioco fino a Porto Corallo, i colori e le ricchezze culturali rendono la Sardegna meridionale una delle tappe preferite dai turisti.

Carloforte, il centro più importante dell’Isola di San Pietro, è caratterizzato da un borgo molto particolare. Qui l’evento più importante è il Girotonno, una festa che celebra il pesce sovrano dell’isola, il tonno.

Se decidi di organizzare il tuo viaggio qui non puoi perderti Cala Fico e i suoi fondali e la Caletta. Proseguendo verso nord, ti suggeriamo di visitare la vicina Iglesias, celebre per le rievocazioni medievali, le miniere e le chiese antiche. Continua il tour sulla spiaggia di Porto Pino, circondata da pini, querce e ginepri e caratterizzata da un mare cristallino e da dune di sabbia bianca.

Avrai già sentito parlare di Capo Teulada a Pula e Tuerredda, con il suo isolotto, Cala Cipolla, il faro di Capo Spartivento e infine Baia Chia, un vero paradiso in cui rilassarsi d’estate e praticare gli sport acquatici in inverno. Pula, con le sue piazze e il patrimonio artistico dell’area archeologica di Nora, ti permettono di esplorare quella Sardegna antica e storica con uno dei siti più importanti del sud.

Arriviamo a Cagliari, al centro del Golfo degli Angeli, una città ricca di bellezze artistiche sparpagliate tra le vie dei quartieri storici. Ma Cagliari è anche buon cibo, gallerie d’arte, shopping e natura: una passeggia per via Roma osservando il porto, un po’ di shopping lungo via Manno e un aperitivo al tramonto dal Bastione di Saint ­Rémy. La Sardegna è la terra dei fenicotteri rosa, se vuoi avere la certezza di vederli spiccare il volo devi assolutamente andare al Parco Naturale Molentargius­ Saline o allo stagno di Santa Gilla. Che dire poi della spiaggia del Poetto e del promontorio conosciuto come la Sella del Diavolo? Si trova a due passi alle saline di Molentargius.

Da una costa all’altra passando per l’entroterra

Prima di esplorare il resto della costa, ti suggeriamo di fare un salto nel Sarrabus e scoprire la storia di Barumini, con il sito archeologico più ricco della Sardegna: Su Nuraxi. Se sei un appassionato di terme e relax allora ti consigliamo le terme di Sardara, una vera perla nel bel mezzo del Medio ­Campidano.

In questa zona potrai visitare anche la Giara di Gesturi e il Castello di Sanluri, uno dei pochi ancora perfettamente visitabili.

Adesso raggiungiamo Villasimius, la perla del Sud Sardegna, con la sua splendida spiaggia di Simius e la laguna di Notteri. Poco distante da qui, Capo Carbonara, che con le isole dei Cavoli e di Serpentara è stata nominata area marina protetta.

Infine Cala Sinzias, nella località di Costa Rei, frequentata soprattutto nei mesi estivi. Nei dintorni, Muravera, con la sua Capo Ferrato, il centro storico e le arance, il frutto prezioso di campagne sempre baciate dal sole.

Buon viaggio! 😉

Related posts

Lascia un commento!

Comment