La Sardegna con il suo mare incontaminato e le sue coste variegate sono la meta ideale per organizzare le tue escursioni in barca.

Ogni zona marina della regione merita una gita da godersi in mezzo a un mare cristallino dal blu intenso che, ti può cullare nelle bellissime giornate tipiche sarde, baciate dal sole la maggior parte dell’anno.

Il clima favorevole permette di poter fare le escursioni, in quasi tutto l’arco dell’anno, ad eccezione dei mesi più freddi, si può uscire in barca e godere di paesaggi, unici al mondo.

Lungo tutti i 1897 km delle sue coste è possibile trovare punti di approdo, porticcioli o porti più attrezzati da dove poter partire e dove poter arrivare.

In base alle tue esigenze di marinaio e alla tua esperienza passata puoi decidere il tuo percorso da fare e muoverti su e giù per la costa.

Se sei in possesso della patente nautica avrai molte possibilità di noleggiare una barca e goderti una giornata spensierata in mezzo al mare.

Se, invece, vuoi approfittare delle tante gite organizzate dalle associazioni in quasi tutti i comuni litoranei sardi, non c’è che l’imbarazzo delle scelta.

Dal Nord al Sud della regione ogni golfetto, ogni cala, ogni spiaggia preservata dalla natura è meritevole di essere visitata e ammirata.

Il vantaggio delle escursioni con la barca è l’adattabilità ad ogni tua necessità, sia che tu voglia organizzare una gita in famiglia, una gita in solitaria o un viaggio con gli amici.

Per una bella gita in barca è necessario solo amare il mare, tutto il resto va da sé.

Due gite in escursioni in barca da non perdere

Le coste sarde, con le loro peculiarità, presentano alcune zone visitabili solo tramite un escursione in barca. Abbiamo selezionato 2 gite che rappresentano un esempio e un’occasione da non perdere per chi visita la regione.

1. L’ arcipelago della Maddalena

Nella parte estrema nord – orientale dell’isola, al largo della costa gallurese e della costa smeralda, si trova l’arcipelago della Maddalena. In totale è formato da 62 tra isole e isolotti, ricchi di fascino, dove è possibile fermarsi ed ammirare la natura incontaminata.

Nell’arcipelago è compresa sia l’isola grande della Maddalena, in cui approdare per fare una passeggiata lungo il viale del mare.

Per gli amanti della storia e del mito di Garibaldi è doveroso fermarsi nell’isoletta di Caprera, dove il tempo si è fermato al tempo dell’eroe dei 2 mondi.

Si possono visitare tutti i luoghi a lui cari, che hanno fato di questa piccola isola, un simbolo del Risorgimento, della storia italiana.

Da non perdere l’isola di Budelli, anche se non più visitabile a piedi per preservarne la sua particolarità, per ammirare la rinomata e suggestiva spiaggia rosa.

2. Le cale della costa orientale: da Cala Mariolu alle grotte del bue marino

Le cale comprese nella costa del comune di Baunei in Ogliastra, nella costa centro orientale, sono tra le spiagge che ogni anno vengono elette come spiagge più belle d’Italia. Non potrebbe essere altrimenti con il fondale di un bianco intenso e un mare cristallino, senza pari.

In alcune cale è possibile arrivarci solo in barca, per preservarne la natura incontaminata il più a lungo possibile.

Per gli amanti del mare è doveroso fare una tappa tra queste cale, le escursioni vengono organizzate in giornata, con sosta nelle cale per sdraiarsi nel bianco arenile. Si parte la mattina e si torna la sera, e sarà una delle giornate più belle di tutto il soggiorno nella terra sarda che, ti rimarrà più impressa per i colori e i profumi della natura circostante.

Durante questa escursione si possono visitare le grotte del bue marino, per ammirare la maestosità delle grotte e l’habitat che fino a pochi anni fa, ospitava il soggiorno della foca monaca.

Sunti e idee per le tue escursioni in Sardegna