Guida Sardegna > Curiosità sulla Sardegna > Il faro di Capospartivento

Il faro di Capospartivento

Che ne direste di una vacanza da lusso all’interno di uno splendido e romantico Faro di fine Ottocento, immerso in un ambiente incontaminato, che domina sul paesaggio tra macchia mediterranea e spiagge paradisiache?

Non è il soggetto di un film ma una realtà nell’estremo Sud Sardegna sul promontorio Spartivento, così chiamato perché divide i venti orientali da quelli occidentali, tra Capo di Pula (ad oriente) e Capo Teulada (ad Occidente).

Il Faro è raggiungibile dal sentiero che parte dalla splendida spiaggia di Cala Cipolla, tra l’acqua cristallina e i profumi della natura mediterranea, e si trova su una scogliera a picco sul mare. Progettato nel 1854 per la Marina Militare Italiana, ci vollero 12 anni per vedere per l’accensione della Lanterna, il faro fu mitragliato durante la Seconda Guerra Mondiale e di conseguenza restaurato nel 1949 per poi cadere in stato di abbandono. La storia recente ha avuto inizio nel 1997 con la dismissione di alcune parti della struttura e la concessione da parte del Demanio con asta pubblica nel 2004 aggiudicata da un imprenditore cagliaritano che ha creato una Luxury Guesthouse rispettando l’identità storica del faro la cui lanterna continua ad illuminare col suo fascio di luce rotante il cammino dei naviganti.

Il Faro di Capo Spartivento è l’unico in Italia restaurato e aperto alla ricettività pubblica, un recupero che si distingue inoltre per il ricorso a energie pulite e a materiali di tipo bioedilizio, oltre ai pannelli solari per il riscaldamento delle acque è presente un sistema di fito-depurazione delle acque reflue riutilizzate per l’irrigazione del giardino.

La struttura offre servizi a 5 stelle in una location inedita dove la privacy, immersa in un ambiente naturale incontaminato, è considerata un punto di forza. Il Faro è aperto tutto l’anno offrendo la possibilità di godere di spettacolari fenomeni naturali quali tempeste e temporali sul mare.
Negli esterni sono stati utilizzati materiali naturali perfettamente inseriti nel contesto ambientale valorizzati la notte da giochi di luce in un’ampia zona verde nel retro con un ulivo secolare e un prato verde.  Sul fronte una pedana in teak sulla scogliera a picco sul mare con una piscina a sfioro con idromassaggio e un panorama incomparabile.

All’interno, tra ambienti raffinati e confort, sono disponibili 10 posti a letto distribuiti su 4 suites, due con vista mare e due vista collina, e su due mini appartamenti separati dal corpo centrale del Faro tutti accessoriati per una vacanza in pieno relax.

Se non potere permettervi un soggiorno a 5 stelle potrete sempre godere del paesaggio mozzafiato percorrendo il sentiero dalla spiaggia di Cala Cipolla, godendo del suo splendido mare, e ammirare uno dei migliori esempi di valorizzazione del patrimonio presente nelle coste italiane premiato come esempio di recupero di architettura militare dai vertici della Marina Militare Italiana.

La Sardegna conserva un patrimonio marittimo importante che comprende diverse strutture, quali stazioni semaforiche e torri costiere, ricche di storia e di fascino che grazie a un progetto integrato ed ecocompatibile prevede il recupero di 15 siti, distribuiti in tutta l’isola, con nuove destinazioni d’uso per fini turisti coniugando storia, identità e ambiente.

Related posts

Comment